Memorial's Picture
Tetsuo Sakamoto
1930    2022
92
Years old


 Ricordiamo.li

This Memorial has been generated by
Ex Istituto Universitario Orientale
Obituary Il 28 aprile è venuto a mancare il prof. Tetsuo Sakamoto. Il magistero del prof. Sakamoto si era espresso sia nella diffusione della cultura italiana in Giappone che in quella della cultura giapponese in Italia, con risultati importanti e significativi.
Biography
Odawara,  1930

Nato a Odawara nel 1930, si era laureato all’Università degli Studi Stranieri di Tokyo nel 1954, dove insegnò per diversi anni l’italiano.

Nella prima fase della sua carriera si concentrò nel campo dell’italianistica: oltre che nell’insegnamento, si distinse per la pubblicazione di una grammatica della lingua italiana che ebbe amplissima diffusione, e di altri volumi che contribuirono grandemente a diffondere la conoscenza dell’italiano in Giappone.

Si trasferì poi in Italia, dove dal 1971 fino al pensionamento nel 2002 insegnò Lingua giapponese a Napoli.

Dai primi anni Settanta il focus dei suoi studi e della sua attività di educatore si era quindi spostato sul giapponese, ma per tutta la sua vita mantenne il ruolo di intermediario tra due culture.

Da ricordare il dizionario giapponese-italiano, da lui curato insieme a Paolo Calvetti, Paolo Puddinu, Aniello Puorto e Luigi Polese Remaggi, nel 1988, e le numerose traduzioni di libretti d’opera, da L’elisir d’amore alla Tosca, dalla Traviata alla Lucia di Lammermoor, nonché la traduzione de La città del sole di Tommaso Campanella.

Il prof. Sakamoto curò anche, a partire dagli anni Settanta, una rubrica di notizie dall’Italia per il «Sankei shinbun» che ha rappresentato per quasi cinquant’anni una finestra aperta sulla cultura e l’attualità italiane. È stato anche per molti anni Vicepresidente dell’Associazione Italia-Giappone.

Tra i riconoscimenti ricevuti dal professor Sakamoto ricordiamo il titolo di Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana (1982), il Premio Marco Polo (1980) e l’Ordine del Sacro Tesoro (2000), conferito dal Governo giapponese.
Roma,  2022